Visualizzazione post con etichetta recensione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta recensione. Mostra tutti i post

7zip: Un leggero compressore open source




7-Zip è un compressore di file completamente open source, in grado di supportare in compressione i formati 7Z (formato proprietario) 7z, XZ, BZIP2, GZIP, TAR, ZIP e WIM, garantendo un livello di compressione il più elevato possibile con codifica dei file mediante un algoritmo AES-256.


Oltre a riuscire a decomprimere i summenzionati formati può farlo con i files: ARJ, CAB, CHM, CPIO, CramFS, DEB, DMG, FAT, HFS, ISO, LZH, LZMA, MBR, MSI, NSIS, NTFS, RAR, RPM, SquashFS, UDF, VHD, WIM, XAR e Z.
Con esso è inoltre possibile creare dei file 7z autoestraenti, che possono per cui essere scompattati anche da coloro che non lo hanno installato sul pc.
7-Zip ben si integra con l'interfaccia di Windows integrandosi nella Shell e mettendo anche a disposizione una potente versione basata su riga di comando.
Il software si può trovare tradotta in 79 lingue compresa quella italiana, ed è stata sviluppata per sistemi Windows sia a 32 bit (x86) che a 64 bit (x64).
Potere scaricarlo o trovare ulteriori informazioni su di esso cliccando qui.
Esiste anche una versione portabile che potete scaricare da PortableApps.com 

Condividi su:

Open SEO Stats: Una estensione che ci mostra istantaneamente il PageRank delle pagine web




Oggi vi parlerò di una estensione per Google Chrome che ci aiuta con il page rank quando si naviga con il browser di Google.
Si tratta della piccola estensione denominata proprio PageRank e che potete scaricare da qui
Esistono numerosi tool del genere a disposizione di coloro che utilizzano Google Chrome, ma dai miei test non tutti sono risultati sempre funzionanti come PageRank, che utilizzo già da tempo su differenti versioni del browser.
Per questo lo preferisco ad altri, che magari prevedono maggiori features, ma non sono sempre affidabili e veloci come quest'ultimo.
Dopo averlo installato lo troverete già pronto, sulla barra in alto a destra. 
Una apposita iconcina vi indicherà sempre il PageRank delle pagine web che andrete a visitare, mentre cliccandoci sopra potrete visualizzare anche Alexa Rank.

Per quanto riguarda Mozilla Firefox simili risultati si possono avere utilizzando l'estensione SEO Site Tools

Condividi su:

X-Notifier: Estensione per avere notifiche delle e-mail in arrivo con i principali browser web




Tutti noi passiamo ormai molto tempo con un browser aperto a navigare il web e magari disponendo di una connessione flat non abbiamo nemmeno problemi di costi che ci impongono di chiuderlo se non necessario.
Con l'avvento delle interfacce web per la consultazione delle e-mail, si utilizza sempre di meno i client di posta elettronica a favore dei browser, però si è reso necessario trovare un modo perchè ci venga notificato l'arrivo di un messaggio, senza dover tenere costantemente una scheda del browser aperta sulla pagina di consultazione della nostra posta in arrivo.


Sono per cui nate varie estensioni per i principali browser web che ci risolvono il suddetto inconveniente, almeno con i servizi più popolari quali Gmail, Hotmail e Yahoo Mail.
L'estensione che ritengo più interessante è X-Notifier.
La puoi scaricare ed installare dai suddetti link messi a disposizione dai produttori dei browser: 

Condividi su:

PSPad: Un editor per programmatori freeware




PSPad è un editor di testo freeware rivolto a tutti gli appassionati di programmazione, che ci permetterà di scrivere il codice dei nostri programmi in maniera semplice e veloce.


Questo utilissimo applicativo può non richiedere installazione se scegliamo di utilizzare la versione portable presente nell'archivio zip scaricabile da questa pagina.
Il programma contiene già molti modelli pronti da utilizzare, scritti nei principali linguaggi di programmazione e soprattutto riconosce automaticamente l'evidenziazione della sintassi in base al linguaggio che stiamo utilizzando.
Dalla stessa pagina potete scaricare l'archivio compresso .cab del dizionario in italiano per il controllo ortografico, che andrà copiato nella cartella Spell del programma, mentre la traduzione per localizzare il software in italiano è già inclusa.

Caratteristiche di PSPad:
  • Gestione di Progetti
  • Modifica di file di testo di Dimensione qualsiasi
  • Apertura contemporanea di diversi documenti (MDI)
  • Possibilità di salvare lo stato del desktop per future sessioni
  • Client FTP per modificare i files in remoto (direttamente sul WEB)
  • Registratore di macro per registrare, memorizzare e riprodurre sequenze di operazioni ripetitive
  • Ricerca e Sostituzione di stringhe nei files
  • Evidenziazione colorata delle differenze di testo
  • Uso di Modelli (HTML tags, script, modelli sintattici...)
  • L'installazione contiene modelli per HTML, PHP, Pascal, JScript, VBScript, MySQL, MS-Dos, Perl,...
  • Evidenziazione di Sintassi definibile dall'utente, per ambienti "personalizzati"
  • Riconoscimento automatico dell'Evidenziazione di Sintassi in base al tipo di file
  • Correzione Automatica
  • Editor ESADECIMALE completo
  • Definizione di programmi esterni, in funzione dell'ambiente selezionato
  • Compilatore esterno con cattura dei messaggi di uscita, finestra di log, analizzatore sintattico di log per ogni ambiente
  • Stampa colorata della sintassi con anteprima di stampa
  • Libreria TiDy integrata per formattare e verificare il codice HTML e per convertirlo in CSS, XML, XHTML
  • Versione libera integrata dell'editor CSS TopStyle Lite
  • Esportazione con sintassi evidenziata nei formati RTF, HTML, TeX in file o Appunti
  • Selezione a colonna, segnalibri, numeri di linea, ...
  • Riformattazione e compressione codice HTML, conversione MAIUSCOLA/minuscola dei tags
  • Ordinamento delle linee in base a una colonna selezionata, con possibilità di eliminare i duplicati
  • Tabella caratteri ASCII con entità HTML
  • Esploratore di Codice per Pascal, INI, HTML, XML, PHP ed altri linguaggi, in futuro
  • Controllo Ortografico
  • Browser WEB interno con supporto per APACHE
  • Evidenziazione coppie di parentesi corrispondenti
  • ...

Condividi su:

Drivermax: Non solo backup e restore dei drivers




Drivermax è un programma completamente gratuito che assiste l'utente non solo nelle operazioni di backup e ripristino dei driver installati sul sistema, ma anche nella ricerca di eventuali driver assenti o aggiornamento di quelli obsoleti.
La prima cosa da fare sarà per cui di installarlo sul vostro windows e procedere in seguito con la registrazione gratuita di un account per free users sul sito del software. Per la registrazione sarà chiaramente necessario un indirizzo e-mail valido.
Tale account vi permetterà di scaricare ciò che vi serve, prelevando dal sito del software dei file .dmx-info, che saranno in seguito processati dal software.
L'account per free users permette però solo pochi download ed aggiornamenti al giorno, per cui se durante lo scan rilevate la necessità di aggiornare la maggior parte dei vostri driver dovrete procedere per trance.
Il mio consiglio è di scegliere solo i files firmati digitalmente dai produttori del vostro hardware, tralasciando gli altri se non si è certi della loro compatibilità. 
Il software funziona su piattaforma windows ed è solo in lingua inglese, comunque risulta piuttosto intuitivo.

Condividi su:

Virtual Box: Software di virtualizzazione open source multipiattaforma




Per macchine virtuali si intende delle emulazioni di computer su cui poter installere i sistemi operativi come si trattasse di normali PC.
Uno dei più famosi software che ci permettono di fare ciò è Virtual Box di Oracle, il quale è distribuito gratuitamente per uso personale.


Questo applicativo ci permette di creare delle macchine virtuali dei più famosi sistemi operativi, Windows, Linux, Mac OS X e Solaris.
Per scaricare l'ultima versione basta collegarsi al sito web Vitualbox.org ed entrare nella sezione Downloads dove troveremo l'elenco delle varie versioni compatibili con il SO del pc ospite su cui desideriamo installarla.
Una volta installato il software, potremmo procedere a creare la nostra prima macchina virtuale, cosa che risulta piuttosto semplice in quanto cliccando sul pulsante Nuova, si avvia una procedura guidata, che passo per passo vi dirà cosa fare.
Vi consiglio però prima di tutto di prepararvi a portata di mano il CD/DVD o l'immagine ISO del sistema operativo che desiderate installare sulla macchina virtuale, così da averlo pronto quando la procedura guidata ve lo chiederà.
Non sto comunque a spiegarvi come si installa o si usa questo software in quanto sulla rete esistono molte guide e quella di Aiutamici è pure illustrata.
Una cosa che ritengo comunque indispensabile, è l'installazione delle Guest Additions, ovvero quel modulo incluso nel programma che va installato su ogni macchina virtuale per permetterci di regolare la risoluzione della stessa e di passare con il mouse dal sistema reale a quello virtuale.
Ogni macchina virtuale creata possiede un file o immagine .vdi, che può essere salvato ed in seguito utilizzato in altri pc su cui è installato Virtual Box.
Ciò ci risparmierà di dover reinstallare e riconfigurare il sistema operativo ed i vari applicativi su esso installati.
Esiste un sito web che fornisce già queste immagini .vdi dei più famosi sistemi operativi freeware, evitandoci persino di dover installarli da se, e si chiama 
VirtualBoxes – Free VirtualBox® Images

Condividi su:

Malwarebytes Anti-Malware: Uno scanner per ripulire il vostro pc da eventuali malware




Malwarebytes Anti-Malware vi consente in modo del tutto semplice e veloce di poter individuare e rimuovere dal vostro pc eventuali virus, worm, trojan, rootkit, dialer e spyware.
Nella versione free il suddetto applicativo ci mette a disposizione uno scanner che può eseguire una scansione preimpostata ed una personalizzabile.
Da quanto sono riuscito a testare riesce a rilevare anche ciò che sfugge ai classici antivirus, con i quali può convivere sullo stesso pc.
Consiglio per cui di installarlo comunque e di avviarlo periodicamente, e dopo averlo aggiornato automaticamente (operazione che verrà richiesta spesso), effettuare con esso delle scansioni.
I risultati di ogni scansione vengono salvati in singoli log depositati in seguito nell'apposito archivio, così da essere a disposizione per eventuali successive consultazioni.
Il software dispone anche di una sezione Quarantena in cui vengono spostati i files potenzialmente dannosi, di una sezione Esclusioni Malware in cui verranno inseriti i files che vanno ignorati da parte della scansione.
Se desiderate avere anche altre funzioni avanzate, tipo la protezione realtime, allora dovrete optare per la versione commerciale di Malwarebytes Anti-Malware.
Ambedue le versioni sono comunque localizzate in italiano. 

Condividi su:

Minitool Partition Wizard: Utility per la gestione delle partizioni




Le versioni più recenti di Windows integrano già una utility che permette di gestire le partizioni del disco fisso, ma non tutti ne rimangono soddisfatti.


Ecco allora entrare in gioco Minitool Partition Wizard, la cui versione free vi permette di effettuare tutte le operazioni di partizionamento degli hard disk in maniera estremamente facile e veloce.
L'applicativo gira su tutte le versioni di Windows, escluse quelle server, sia a 32 che a 64 bit ed offre una ampia gamma di funzioni a gratis.
Permette di compiere operazioni basilari, quali la creazione e la formattazione delle partizioni, ma anche operazioni più complesse, come la conversione delle partizioni o il ridimensionamento delle stesse, integrando anche delle comode procedure guidate per la copia ed il recupero dei dischi.
Il software supporta partizioni i cui file system possono essere NFTS/FAT32/EXT2/EXT3, anche create su dispositivi RAID.
L'applicativo può essere scaricato da qui in versione installabile oppure in versione da cd bootabile, ed è disponibile solo in lingua inglese.
Trovate inoltre in questa pagina la tabella comparativa con le altre versioni a pagamento dello stesso software, le quali ci porpongono altre funzioni avanzate.

Condividi su:

Clipart free per LibreOffice




LibreOffice ed OpenOffice a differenza di MS Office non hanno un vasto archivio di immagini clipart già incluso.
Vi è comunque un modo per ovviare a questo inconveniente, ovvero scaricarle da alcuni siti web che le rendono disponibili gratuitamente.
Di seguito ve ne elenco alcuni che conosco:
  • OpenClipart: [sito web in Inglese] Riporta migliaia di clipart di buona qualità sia in formato vettoriale SVG che in formato bitmap PNG. Nella sezione collections del sito è possibile scaricare insiemi di immagini. Chi utilizza Ubuntu può installare il pacchetto openclipart-png per le clipart in formato PNG e openclipart-svg per quelle in formato SVG. E' possibile anche contribuire ad incrementare la libreria eseguendo l’upload dei vostri lavori.
  • WPClipart[sito web in Inglese] Offre migliaia di Clipart in formato PNG suddivise per categorie. Possiede anche un editor che vi permette alcuni basilari funzioni quali il ridimensionamento, la rotazione ed il ritaglio delle immagini in archivio prima ddi scaricarle. 

Condividi su:

Blender: Software 3D multipiattaforma ed open source




Nella mia cassetta degli attrezzi non può mancare Blender, l'applicativo 3D che non possiede versioni pro a pagamento, in quanto tutti gli sforzi ed investimenti per il suo sviluppo sono incentrati sulla versione open source.


Quest'ultima è pure multipiattaforma, Windows sia 32 che 64 bit, Linux sia 32 che 64 bit, Mac OS X, FreeBSD.
Le versioni per Windows che si possono scaricare dal sito della Blender Foundation sono 2:
  • La prima installabile tramite installer eseguibile (exe);
  • La seconda portabile scompattando dove si preferisce la versione contenuta nell'archizio zip.
Quale estimatore delle versioni portabili di qualsiasi software si parli, io preferisco chiaramente la seconda.
L'applicativo è solo in lingua inglese ed utilizza dei files con estensione .blend, riuscendo comunque ad importare molti altri formati grazie ai molteplici script creati dalla community che lo sviluppa.
Per attivare tutti gli Import già presenti di default nel software selezionare: File > User Prefrences > Addons e spuntare tutte le voci che iniziano per Import-Export.  
Anche per Blender sono disponibili in rete delle risorse di modell 3D gratuiti, alcune delle quali specifiche per Star Trek e Stargate. 

Condividi su:

Star Trek Render con Daz Studio: I Gorn, una razza bipede rettiliforme




Gorn

I Gorn sono una delle specie meno viste sullo schermo in tutta la saga di Star Trek, e di cui non si hanno molte informazioni, cerchiamo di svelarle qui di seguito:

Gorn


LA CONFEDERAZIONE GORN
PROFILO POLITICO:
Buoni rapporti diplomatici e commerciali con la Federazione Unita dei Pianeti. Cooperazione in continua crescita nelle differenze e nel rispetto dei confini reciproci.

STORIA DEL PRIMO CONTATTO: 
Il primo contatto con la Confederazione Gorn non è stato dei più felici in quanto è avvenuto a seguito il massacro compiuto sulla colonia federale di Cestus III nel 2267, considerata come un´invasione del loro territorio.
Per i Gorn di allora tutti gli umanoidi sembravano uguali, per cui pensando che l´avamposto situato al confine del loro spazio, fosse Romulano, lo attaccarono senza preavviso distruggendolo completamente.
Fu proprio la USS Enterprise comandata a quel tempo dal capitano James T. Kirk ad arrivare per prima sul posto e rilevarne la distruzione, stabilendo così il primo contatto con la razza Gorn.
Le successive dispute furono sempre attorno a questi avamposti di confine con continue schermaglie e scontri, che andarono avanti per 25 anni.

PROFILO FISICO/MEDICO:
I gorn sono una razza bipede rettiliforme del quadrante beta, simile ai sauri terrestri che proviene da pianeti con gravita superiore di quella terrestre, e con un clima decisamente peggiore.
Il loro fisico, più possente e resistente di quello degli esseri umani, li rende molto forti, mentre la loro lingua biforcuta li rende poco adatti a parlare altre lingue, in quanto si noterebbe il loro sibilo.
L´altezza media di un gorn è di 2,7 metri e pesa circa 145 kg.
Hanno degli occhi multifaccia, sangue freddo, poco fiuto ma udito superiore alla maggior parte della specie umanoidi, ed un metabolismo estremamente alto.
Possono guarire le ferite ad un tasso di due libbre (1 chilogrammo) di carne all´ora e risaldare le fratture delle ossa in più meno di 15 minuti.
Per cui l´unico modo di uccidere un Gorn senza phaser è tagliandogli la testa.
Il linguaggio dei Gorn si chiama Gornouf, ed è una combinazione di suoni gutturali e di sibili con poche vocali.
Ci sono tre sottospecie di Gorn notevolmente diverse l´una dall´altra e cosi suddivise:
Carnosauria: la sottospecie più numerosa, costituisce il maggior numero di clan della Confederazione. I membri di questa sottospecie ricoprono le più diverse carriere, da quella militare a quella politica, passando per le varie professioni civili.
Dromeosauria: di dimensioni fisiche leggermente inferiori alla sottospecie precedente i suoi clan solitamente forniscono un ampio numero di scienziati e commercianti, ruoli che assieme a quello diplomatico ricoprono anche nelle forze armate.
Megalosauria: la specie di dimensioni maggiori caratterizzata anche da occhi sfaccettati e sporgenti. Hanno riflessi più lenti delle altre due sottospecie ma una rigenerazione più veloce. I clan di questa sottospecie sono per lo più di tradizione militare anche se di rado troviamo megalosauria in posizione di comando, mentre formano il grosso delle truppe di terra.

Femmina Gorn in uniforme Starfleet
Femmina Gorn in uniforme Starfleet: Render con Daz Studio

PROFILO STORICO/CULTURALE: 
La razza Gorn è una fiera razza forte e resistente che ha sviluppato una vera cultura che sollecita la resistenza fisica.
Benchè la battaglia non sia per loro una preoccupazione principale come per i klingon, la forza fisica dei Gorn li rende inplacabili e supperisce al loro intelletto non sviluppatissimo.
Gli individui e la società Gorn nell´insieme non sono dotati di grandi capacità intelletive e preferiscono stabilire i rapporti sociali attravero la dominazione fisica.
Considerano per cui le discipline mentali inutili e indegne e non perseguono tali studi.
L´insieme dei mondi controllati dai Gorn si fa chiamare Confederazionee ed formato da tre sistemi solari vicini tra loro: Ghdar I, Ghdar II and Ghdar III.
La regione di spazio controllata dai Gorn confina con l´impero di Klingon, la Federazione ed i Tholiani.
La Conderazione Gorn è una monarchia costituzionale, basata su un re ed un´assemblea confederale che rappresenta tutte i mondi e che sostanzialmente la governa.
Le elezioni dell´assemblea confederale viene effettuata ogni 10 anni e vi partecipano tutti i pianeti Gorn.
La famiglia reale però non è una famiglia tradizionale, ma è composta da coloro nati con la colorazione giallo/blu, caratteristica che non sembra essere ereditaria.
Quando un re muore o perde la caratteristica, i reali si riuniscono in consiglio per votare un nuovo monarca.
La capitale della Repubblica Gorn si chiama Gornniska, un pianeta temperato e caldo di classe M, ed ha sei maggiori metropoli: Khakhh City, Timber City, The Monastaries, Gorn City (una Mecca Gorn), Water City, e Gold City (La Capitale).
L´industria occupa buona parte di questo pianeta ma l´inquinamento è ben tenuto sotto controllo, inoltre la maggior parte è riservato al verde.
La maggior parte dei Gorn non vive su Gornniska, ma sui vicini mondi colonizzati.
Ci sono tre zone su Gornniska: il deserto vulcanico, la foresta pluviale ed il deserto di ghiaccio.
I Gorn si sono per lo più evoluti nelle zone temperate ovvero nelle zone fra la foresta pluviale ed i deserti vulcanici, ma sono anche presenti nella foresta pluviale e nel deserto vulcanico.
Questo sistema ha un sole rosso che sostiene nove pianeti, ma soltanto tre sono abitabili.

PROFILO TECNOLOGICO: 
Anche l´ingegneria Gorn si è sviluppata solo fino a quando c´è ne è stato realmente bisogno, dopo di che è stata in gran parte abbandaonata dopo aver raggiunto un ottimo grado tecnologico.
Sono però arrivati alla tenologia curvatura molto prima degli esseri umani, ma utilizzano armi a particelle da metà tempo di quello umano, inoltre continuano ad utilizzare armi bianche.
La parte principale delle navi è costituita da una o più sfere appiattite e prolungate.
La propulsione è situata nella parte posteriore e può essere composta da una o più gondole.
L´armamento situato di norma su i due lati della nave e composto da phasers ma può anche montare altri sistemi di armi.
La plancia è situata di norma a metà del corpo principale della nave ed al di sotto di un grande schermo, è dotata di tre console, una per il pilota, una per il tattico ed una per il navigatore.
Le loro navi sono di norma più grandi di quelle della federazione, anche se non hanno molti comfort per l´equipaggio.

SITUAZIONE DELLE TRATTATIVE:
Dopo venticinque anni di trattative, i Gorn hanno concluso fruttuosamente il processo di pace con la Federazione, grazie anche all´impegno di Jean-Luc Picard.
Le trattative di pace sono avvenute su Clanhaven, un pianeta alla frontiera Gorn, ed hanno portato ad una limitazione del traffico militare nello spazio disputato ed a far si che nel 2371 la Federazione abbia sei colonie su Cestus III, una delle quali si chiama Pike City.
In seguito a tale accordo, Cestus III è rimasto territorio federale, con la clausola che la Federazione non oltrepassi il pianeta verso il territorio Gorn. La colonia è stata ricostruita e Cestus III è diventato un centro minerario e di commercio con i Gorn.
Si allearono con la federazione durante, la Seconda Guerra Romulana, senza però mai inviare navi al di fuori del loro spazio, hanno anche aderito ad un programma di scambio ufficiali con la Flotta.

OBBIETTIVI STRATEGICI: 
Difesa e pattugliamento del proprio spazio.

CONSIDERAZIONI TATTICHE: 
La flotta Gorn sembra concepita più per scopi difensivi che di aggressione, ovvero secondo la filosofia di protezione assoluta del territorio gorn, oltre che per la perlustrazione dello stesso.

RAPPORTI DELL´INTELLIGENCE: 
Risultano pacifici anche se non classificabili fra i più convinti alleati della federazione.


L'EGEMONIA GORN
PROFILO POLITICO:
Hanno grosse mire espansionistiche e non desiderano intromissioni di sorta da parte della Federazione. Relazioni diplomatiche difficoltose sopratutto dopo che la Federrazione ha stretto accordi con l'Impero Stellare Romulano durate la guerra con il Dominio.

STORIA DEL PRIMO CONTATTO: 
Vedi profilo Confederazione Gorn

PROFILO FISICO/MEDICO: 
Vedi profilo Confederazione Gorn

PROFILO STORICO/CULTURALE: 
Una piccola ma molto pericolosa fazione, che si è scissa dalla Confederazione Gorn in un non ben determinato periodo.
Conquistato ed assorbito il loro spazio dall´impero Romulano, i clans non hanno operato per molti anni, ma dopo il ritiro di quest´ultimo sono tornati alla ribalta.
E´ suddivisa in clans, con a capo il clan più dominante più forte.
Le letture dei sensori a lungo raggio ed i rapporti iniziali indicano l´esistenza tra i 27 e 36 clans.
Questi clans sembrano essere unità famigliari estese, apparentemente governate dal principio della sopravvivenza del più adatto.
Parecchie guerre civili sono state intraprese frai vari clans, che sono costate molto all´egemonia, sia in termini di popolazione che di risorse naturali.
Recentemente, sotto la direzione di Ssel del clan X´tel, i clans sono riuniti eliminando così l´unica fonte reale di dissenso rimasta, il clan Sarkis.
In un tentativo disperato di raccogliere nuove risorse supplementari, l´egemonia ha lanciato un attacco contro una colonia Romulana.
Questo incursione è stata facilmente respinta dai Romulani.
L´Egemonia Gorn allora ha rivolto la sua attenzione verso i confini Tholiani.
Vi è stata una battaglia feroce, ed i Tholiani colti impreparati hanno perso il loro avamposto catturato rapidamente dall´egemonia.
Ulteriori disaccordi e schermaglie vi so state fra le parti, finchè recentemente sia l´Egemonia Gorn che i Tholiani hanno chiesto l´intervento della federazione per risolvere questo conflitto.
Non è dato sapere se tale richiesta è fatta in buona fede oppure no.

PROFILO TECNOLOGICO:
Le navi dell´Egemonia Gorn prediligono la resistenza alla mobilità, per cui tendono ad essere molto grandi e molto più robuste della maggior parte delle navi della flotta.
Tuttavia, sono lente nella manovra e possono essere facilmente colpite sui fianchi da navi più agili e veloci.
Inoltre il loro scafo robusto supperisce allo scudo deflettore che è di tecnologia antiquata se confrontata con gli standard della flotta.
L´ingegneria dell´egemonia, non è certo raffinata come quella della federazione, poichè tende ad attuare la politica del sotituire quello che non funziona, invece di cercare di migliorarlo.
Di conseguenza, la massima velocità warp che può arrivare una nave dell´egemonia è 8,8.
Qualsisi imbarcazione della flotta stellare, purchè non sia danneggiata, può superare un loro incrociatore.
Per quanto riguarda il loro armamento, è estremamente potente, ma ciò gli costa un pesante prezzo in energia.
I loro phasers e siluri hanno potenza distruttiva simile e a volte superiore a quelli della flotta, ma con un doppio dispendio di energia.
A causa di ciò in molti casi i loro sistemi di armi vengono utilizzati ad energia parzializzata durante un scontro prolungato.
Lo stesso si può dire per i loro scudi.
Inoltre recentemente hanno acquistato una nuova potente arma il cannone a neutroni.
Non si tratta certo di farina del loro sacco, per cui si pensa che debbano avere un´assistenza esterna.
Attualmente, l´intelligence federale non ha informazioni su chi abbia venduto la suddetta tecnologia.
Ma l´arma risulta formidabile in quanto può disabilitare gli scudi con solo alcuni colpi.

SITUAZIONE DELLE TRATTATIVE:
Trattative in corso per la risoluzione del conflitto fra l´Egemonia Gorn e i Tholiani
OBBIETTIVI STRATEGICI:
È ben noto da fonti multiple a che l´egemonia di Gorn è vicino al completo esaurimento di tutte le loro risorse naturali.
Tutte le guerre civili intraprese, invece di accelerare lo sviluppo, hanno portato ad uno ristagnamento tecnologico, oltre che all´esaurtimento delle risorse naturali.
Quindi si presume che i loro obiettivi strategici siano da considerare la conquista di regioni ricche di risorse, per depredarle e poter riempire i loro depositi, avendo così la possibilità di introitare guadagni.

CONSIDERAZIONI TATTICHE: 
Avendo già da tempo esaurito le loro risorse naturali, hanno più volte aggredito, nel passato recente, i Tholiani, nel tentativo d´assicurarsi le risorse per i loro bisogni militari.
Hanno per cui grosse mire espansionistiche e per cui non desiderano intromissioni da parte della federazione.
La loro flotta non è per cui solo a carattere difensivo, come quella della Confederazione Gorn, ma bensì soprattutto offensivo. 

LA LINGUA GORNOUF
Il linguaggio dei Gorn si chiama Gornouf, ed è una combinazione di suoni gutturali e di sibili con poche vocali.
Questo linguaggio è strettamente legato alla particolare anatomia dei Gorn, simili ai sauri terrestri, e soprattutto alla loro lingua biforcuta, che però li rende poco adatti a parlare correttamente altre lingue, in quanto si noterebbe il loro sibilo.
Il loro linguaggio si è sviluppato in una lingua parlata e una lingua scritta che differenzia molto dalla prima.
Ciò perchè la lingua parlata non utilizza solo suoni e linguaggio del corpo, come nelle altre lingue, ma anche il fiuto e per cui degli stimoli olfattivi.
È proprio il fiuto una delle caratterische più interessanti della loro lingua, oltre che essere alla base dei rapporti interpersonali all´interno della società Gorn.
Ciò è stato anche fonte di alcune iniziali incomprensioni con gli umani.
Proprio durante il primo contatto con i Gorn, il traduttore universale ha incontrato delle serie difficoltà che i linguisti umani non riuscirono immediatamente a capire.
Solo in seguito si riscontrò che le parole cambiavano significato, se collegate a determinati stimoli olfattivi.
Mentre la lingua parlata, si è sviluppata naturalmente, la lingua scritta è stata frutto di anni di studio durante i quali si è sviluppato un linguaggio che possa sopperire al non uso del fiuto, aggiungendo nuove parole che descrivano gli stimoli olfattivi.
Questo linguaggio viene anche utilizzato per la registrazione dei dati e nelle trasmissioni.
Caratteristica particolare dei Gorn, dovuta proprio ai stimoli olfattivi del loro linguaggio parlato, è che grazie a questi hanno seri problemi quando cercano di mentire, in quanto non potendo controllarli completamente, potrebbero venire scoperti.

Condividi su:

Daz Studio: Software 3D Free




DAZ Studio è un applicativo progettato per il disegno 3D e le animazioni virtuali con persone, animali, oggetti, veicoli, accessori, ambienti e molto altro ancora. Basta selezionare il soggetto, organizzarne gli accessori, l'illuminazione e iniziare così a creare bellissime opere d'arte.


DAZ Studio 4 ha preso il meglio della versione 3, introducendo inoltre un nuovo look che lo rende ancor più usabile. All'interno dell'applicazione ci sono poi alcuni video tutorial che aiutano l'utenza ad apprenderne i concetti principali, insieme a molte altre innovazioni tecnologiche che ne migliorano l'esperienza di creazione.
Il software è solo in lingua inglese ed attualmente è possibile prelevarlo da qui gratuitamente creando un account ed accettando di ricevere la newsletter.
In pochi minuti potrete crearvi un avatar 3D da cui renderizzare una o più immagini per i PG (Personaggi Giocanti) dei giochi di ruolo play by chat a cui partecipate. D'altro canto oltre alle risorse messe direttamente a disposizione dal software ne potrete trovare molte altre in rete, sia gratuite che a pagamento, alcune delle quali in ambito Star Trek e Stargate. 

Condividi su:

Una Calcolatrice che tiene traccia delle operazioni per Windows XP




Se desiderate mandare in pensione la vostra calcolatrice, soprattutto perchè vi costa un patrimonio fra rotolini di carta e cartucce d'inchiostro, il mio consiglio è di adottare sul vostro pc con Windows XP la calcolatrice progettata in visual basic da Mauro Rossi e Claudio Gucchierato scaricabile gratuitamente dal suo sito.


Si tratta di un software di pochi kb, installabile su Windows XP, mentre non mi risulta funzioni su Windows 7 64 bit.
La sua funzione più interessante è data dal riquadro laterale, che ospita un fogliettino scorrevole su cui vengono indicate le operazioni effettuate, e che per cui possono essere pure stampate all'occorenza.

Condividi su:

XnView: Software per la gestione delle immagini




XnView è un utile programma di gestione ed organizzazione delle immagini che permette di vedere una anteprima (thumbs) di tutti i files contenuti in una cartella.


Riconosce molti formati grafici, e possiede varie funzioni di conversione e filtri, che possono essere inoltre ampliati tramite la creazione di appositi plugins.
Molto utile è anche la funzione che permette di creare una pagina web con le miniature delle immagini selezionate, la quale può utilizzare anche alcuni script in flash come SimpleViewer.
Vengono offerti poi alcuni strumenti di base per la modifica di fotografie digitali e l'applicazione di effetti, frai quali considero piuttosto interessante quello per la rimozione degli occhi rossi.
Per chi utilizza Windows a 64 bit oppure un sistema operativo Linux o MacOS, esiste pure XnViewMP, la cui interfaccia è relativamente diversa a quella di XnView classico, ma comunque possiede tutte le funzionalità principali.  

Condividi su:

Keepass: Password manager open source




Quante password e nome utente dobbiamo ricordarci di questi tempi? Quella della nostra e-mail, del nostro accesso ad internet, della banca on-line, dei nostri vari account di servizi internet. Può capitare che un bel giorno, andando ad inserire la nostra password, ce ne siamo dimenticati...
Ecco allora un applicativo freeware che ci viene in aiuto: si chiama KeePass Password Safe.


Come funziona? Basta inserire tutte le nostre password, anche quelle che non riguardano internet, come per esempio il pin del bancomat, con la possibilità di organizzarle per categorie, e KeePass le memorizzerà in un database protetto da una password principale che ci servirà per aprirlo.
Il database è crittografato con due algoritmi molto sicuri, AES e Twofish, quindi, anche nella malcapitata ipotesi che qualcuno ne entri in possesso, sarà praticamente impossibile ricavarne la password memorizzate.
Il software inoltre si occupa anche di inserire automaticamente username e password nei vari form del web, cliccando con il tasto destro su di una voce e scegliendo Effettua auto-digitazione nel menù a tendina.
E' anche possibile esportare le password in diversi formati di file (txt, html, cvs e xml), generare password casuali, specificando anche il tipo di output desiderato, ovvero lunghezza e tipo di caratteri, ricercare nel database.
L'applicativo è multipiattaforma ed esiste anche una traduzione in italiano.
Per Windows è disponibile anche una sua versione portable, scaricabile da qui in un archivio .zip 

Condividi su:

Scan2PDF: Creare una scansione su più pagine in un solo file pdf




Quante volte vi siete ritrovati che i software in dotazione al vostro scanner o stampante multifunzione non vi salvano le pagine scansionate in un singolo file PDF?
Allora non ci restava che salvarle in più files e poi unirli con un software che li accodava uno dopo l'altro in un unico file PDF.


Anni fa, all'acquisto del mio primo scanner, pensavo che si trattasse dei software dati in dotazione ancora poco evoluti, ma poi ho acquistato una multifunzione di una nota marca e mi sono ritrovato con il medesimo problema.
A questo punto ho cercato sulla rete trovando Scan2PDF, un piccolo applicativo freeware sviluppato da un programmatore tedesco, che mi permette di scansionare un documento composto da più pagine, direttamente in un file PDF.
In breve, dopo aver cliccato sul pulsante di avvio scansione vi chiederà il numero di pagine di cui è composto il documento, prima di procedere ad una prima esecuzione del vostro driver twain.
Terminata la scansione della prima pagina chiuderete il driver twain, e sull'applicativo rimasto in background vi comparirà una miniatura della pagina 1, mentre poco dopo si aprirà una finestra che vi chiede di confermare il driver twain per la seconda scansione.
Ripeterete ciò sino alla scansione dell'ultima pagina del vostro documento, ovvero quando sulla finestra dell'applicativo compariranno tutte le miniature delle pagine.
L'applicativo, tradotto anche in italiano, è scaricabile sia in versione con installer che portable, e funziona su qualsiasi piattaforma windows.
Oltre ad accodare immagini direttamente durante la scansione vi permette di accodarne anche altre che avete già salvate sul vostro hard disk in formato TIFF o JPG.

Condividi su:

Autoruns: Un sostituto di MSConfig per la gestione dei software in start-up




Autoruns è un programma, originariamente sviluppato da Sysinternals, è ora ospitato dal sito Microsoft.


Molto facile da usare, ci permette di recuperare il pieno controllo sui programmi che si avviano automaticamente allo start-up di Windows.
Può per cui essere utilizzato al posto di MSCONFIG, software integrato in ogni versione di Windows, però a differenza di quest'ultimo è disponibile solo in lingua inglese.
Il software analizza tutte le chiavi del registro di sistema alle quali gran parte dei programmi si appoggiano per autoeseguirsi.
Grazie a questo piccolo applicativo portable è possibile scoprire la presenza di virus, trojan, spyware e componenti non autorizzati, anche eseguendolo da una chiavetta USB.
Autoruns è più completo di MSCONFIG perché controlla anche chiavi del registro meno conosciute e ci permette anche di cancellare ogni riferimento dal registro di sistema, cliccando con il tasto detro del mouse su di una voce e scegliendo Delete dal menù a tendina.
La cancellazione va però utilizzata con molta attenzione al fine di non togliere erroneamente qualche voce indispensabile, si consiglia per cui di provarne prima la disattivazione togliendo solo la spunta.

Condividi su:

Process Explorer: Software avanzato per la gestione dei processi in Windows




Qggi vi parlerò di Process Explorer, altra utility portable della Sysinternals.
Mentre il software Autoruns della Sysinternals si può considerare l'evoluzione di Msconfig, Process Explorer va ad ampliare gli orizzonti del TASK MANAGER.


Il software si compone di due finestre: quella posta più in alto mostra l'elenco dei processi attivi insieme con una serie di informazioni aggiuntive, quella più in basso l'insieme degli handle e delle librerie DLL aperti dal processo selezionato. 
Distribuito gratuitamente come Autoruns, si integra comodamente con lo stesso, purchè venga copiato nella medesima cartella. Basterà poi cliccare con il tasto destro sulla voce di cui desideriamo monitorare il processo e scegliere dal menù a tendina Process Explorer.
Nel medesimo menù a tendina è presente anche la voce Search Online che esegue automaticamente una ricerca su google del processo selezionato tramite il browser predefinito del sistema.
L'uso delle risorse del sistema viene visualizzato mediante grafici autoaggiornanti nella parte superiore della finestra.
L'utility è disponibile solo in lingua inglese, per cui può risultare difficoltoso l'uso da parte di coloro che non conoscono questa lingua.

Condividi su:

Fotografix: Software freeware per il fotoritocco con layers




Fotografix è un applicativo per il fotoritocco, di meno di un megabyte, e funzionante direttamente, ovvero senza installazione.


Può per cui essere scompattato ed eseguito anche da una chiavetta USB, ed offre una vasta gamma di strumenti per il fotoritocco, il disegno, la creazione e conversione di immagini. 
È in grado di visualizzare e modificare molti tipi di file grafici (RAW, PSD, JPG, GIF, PNG, XCF di Gimp, BPM etc) e persino di estrarre icone da qualsiasi file ne contenga (EXE etc).
L'area di lavoro è pulita ed intuitiva, e nonostante le dimensioni ridotte e la semplificazione necessaria non mancano un buon numero di strumenti classici per la selezione quadrata, tonda o con la bacchetta magica, nonché un buon set di classici pennelli.
Si può inoltre aprire più immagini contemporaneamente e gestirle su più livelli/strati (layer) sovrapposti, con varie opzioni relative ai modi in cui mescolarli fra loro, modificando opacità ed altre modalità di sovrapposizione disponibili (normale, multiply, overlay etc). 
Sembrerà incredibile ma nonostante le dimensioni, il programma offre la maggior parte delle caratteristiche disponibili in Photoshop.
Il programma è in lingua inglese, per localizzarlo in italiano andrà scaricato il file lang_it.ini, che si trova qui, e poi copiato nella cartella del software.
Al primo avvio eseguire poi File > Choose Language.. e selezionare lang_it.ini. Si aprirà una popup che vi dirà che la modifica avrà effetto dal prossimo avvio, per cui chiudetelo e riapritelo ed il vostro Fotografix ora sarà in italiano.

Condividi su:

USB Disk Mamager: Controllo completo delle unità usb




USB Disk Manager è un software portable che ci permette di poter controllare le porte USB del nostro pc Windows sia a 32 bit che 64 bit.
Su Windows ciò è possible farlo modifcando alcuni parametri del registro di sistema, ma risulta essere piuttosto complicato.
Questo software ce lo rende invece agevole, presentandoci delle chiare finestre in inglese, con delle scelte guidate da effettuare.


Tra i più comuni mezzi di diffusione di virus vi sono, in primis, le chiavette USB il cui utilizzo su computer infetti associato a quello dell’autorun favorisce il propagarsi di fastidiosi e pericolosi malware.
Personalmente ritengo per cui molto utile disattivare oltre che l'autorun, anche la possibilità di esecuzione dei files direttamente da chiavetta USB, al fine evitare il rischio di infezioni del nostro pc a seguito inserimento di una chiavetta usb già infettata su altro pc.
Così facendo rinunceremo ad eseguire anche i nostri programmi portabili preferiti direttamente da chiavetta USB, ma non certo da hard disk, mettendoci però anche al sicuro da eventuali esecuzioni automatiche non richieste.
Chiaramente ciò non può sostituire l'utilizzo di un antivirus, ma aiuta molto nella prevenzione delle infezioni.
La limitazione dell'esecuzione da chiavetta USB applicata con USB Disk Manager riguarderà comunque solo gli account di windows non amministratori di sistema, per cui altro mio consiglio è di evitare il loro utilizzo al minimo indispensabile, e comunque non per accedere a chiavette USB che ci provengono da terze parti o che prima abbiamo utilizzato su altri pc a noi sconosciuti :)
USB Disk Manager permette poi altri controlli ancor più restrittivi quali la completa lettura o scrittura della chiavetta USB.

Condividi su: